Si è tenuta oggi, 1° febbraio, la videoconferenza stampa con Carlo Fidanza, Presidente della delegazione di FdI al parlamento europeo, in merito a tre temi importanti di questo periodo: Recovery Fund, Legge Bolkestein e Nutriscore.

In videoconferenza Carlo Fidanza parla di Bolkestein con i vertici liguri di Fdi.

Presenti Matteo Rosso (Commissario per la Liguria di FdI), Gianni Berrino (Assessore FdI Regione Liguria), Simona Ferro (Assessore FdI Regione Liguria) e Stefano Balleari (Presidente dei Consiglieri di FdI in Regione Liguria).

Per quanto riguarda la legge Bolkestein riportiamo: “E’ di strettissima attualità visto che il Governo italiano è chiamato a rispondere alla lettere da messa in mora inviata dalla Commissione Europea, noi ci aspettiamo che il Governo contesti alla radice: il settore balneare è fondamentale. Ci auguriamo che sia una risposta che evidenzi l’assoluta inapplicabilità della direttiva rispetto al comparto: la legge nazionale esiste e va applicata.

Il 31 dicembre scorso era fissato il termine ultimo per l’estensione della concessione agli stabilimenti balneari. In Liguria si ha un panorama frastagliato in quanto sono state concesse proroghe anche di uno-due anni, provocando l’incertezza nel settore”.

L'estensione infatti pare esserci stata in tutta la Liguria, ma il problema è principalmente nella provincia di Genova, nel territorio tra Moneglia e Chiavari dove vi sono state estensioni di uno-due anni, mentre per quanto riguarda il Comune di Genova e Rapallo la situazione più ingarbugliata a causa del ritiro delle stesse in auto tutela dalla Procura. Tra Arenzano e Santa Margherita le concessioni ci sono sino al 2033: da questo si può evincere come sul territorio regionale ci siano differenze tali da rendere disomogenea la distribuzione delle concessioni balneari.

Fidanza continua: “In questo momento l’Europa chiede minori investimenti e maggiori riforme, un po’ come accadde all’epoca del governo Monti, il che è abbastanza preoccupante. Da qui sorge il dubbio: le Regioni possono intervenire a sostegno della posizione degli imprenditori?”